Erwin Seeler, attaccante e papà

Visitando il Volksparkstadion di Amburgo, gli omaggi a Uwe Seeler si sprecano. Fuori dall’impianto una scultura ne celebra il piede destro, che tante gioie ha regalato ai tifosi al HSV, nel museo diversi cimeli appartengono al capitano dell’Amburgo e della Nazionale tedesca. Nel luogo che ripercorre la lunga e gloriosa storia del club, c’è posto per altri due Seeler. Per Dieter, il fratello maggiore di Uwe, più di 300 presenze e quasi 80 gol con il HSV tra il ’55 e il ’65 e per Erwin, il papà di Dieter e Uwe. Un ottimo attaccante, classe 1910, che era originario di Rothenburgsort, quartiere del distretto di Hamburg-Mitte, non lontano dal porto.

E proprio nella zona portuale Erwin, figlio di un oste, aveva cominciato a lavorare. Professione: manovratore di chiatte. Sveglia alle sei, tante ore di lavoro, ma il pomeriggio o la sera: Fussball. Fin dalla seconda metà degli Anni Venti Seeler è una stella del club locale, il SC Lorbeer 1906, il cui campo in Marckmannstraße si può vedere ancora adesso. I biancoblù non sono una squadra “normale”. Non fanno infatti capo alla DFB, la Federcalcio tedesca, ma sono affiliati all’Arbeiter-Turn- und Sportbund (ATSB), l’associazione ginnica e sportiva dei lavoratori, che nel 1928 era arrivata ad avere 2,2 milioni di iscritti. Tante discipline, tante squadre, un’idea di società basata su uguaglianza e partecipazione e una di sport, fondata sul più rigoroso dilettantismo. Il Lorbeer è una delle formazioni migliori di Germania. Nel 1929 gli amburghesi, che nelle loro fila hanno molti disoccupati del quartiere, figli della crisi della Repubblica di Weimar, arrivano a giocare la finale del campionato tedesco, che peraltro si gioca nella città anseatica, nello stadio del Victoria, davanti a 15000 persone. È una partita dalle mille emozioni con il Lorbeer, che trionfa per 5-4. Due anni dopo, nella stesso impianto, ma contro il SV Pegau, squadra di un quartiere di Lipsia, il club di Amburgo farà il bis. Vittoria per 4-2 e tripletta di Erwin Seeler. Per i giocatori nessun premio partita, anzi i protagonisti pagano di loro tasca il viaggio in camion verso la finale.

Nel 1931 l’attaccante del Lorbeer ha un’altra grande possibilità, quella di disputare con la Nazionale tedesca dell’ Arbeiter-Turn- und Sportbund, la seconda edizione delle “Olimpiadi dei Lavoratori”, in programma a Vienna. Nel torneo di calcio i tedeschi campioni in carica arrivano fino alla finale giocata al “Prater”. A trascinarceli Erwin Seeler, autore dei sette dei nove gol che ai quarti di finale sommergono l’Ungheria. L’attaccante amburghese non vincerà, ma sarà il capocannoniere del torneo. Un anno dopo quel trionfo, nel 1932, Erwin Seeler lascia il Lorbeer e il “calcio dei lavoratori”, passando ai “borghesi” del Victoria Hamburg. L’Hamburger Echo, quotidiano legato alla SPD, il Partito Socialdemocratico, lo etichetta come “traditore dei lavoratori”. Lui, che continua a spaccarsi la schiena al porto, decide pure di cambiare quartiere, per trasferirsi a Eppendorf, a due passi dal campo del Victoria, in un appartamento un po’ più confortevole, a qualche centinaio di metri da dove viveva Ernst Thälmann, capo dei comunisti tedeschi. In quella casa nascerà Uwe, la futura stella dell’Amburgo.

Al HSV Erwin ci arriverà nel 1938, dopo sei anni al Victoria. Lì lascerà il segno con più di duecento partite, con anche tra titoli della Germania del Nord e due della zona di occupazione britannica. Non vincerà mai più un campionato nazionale, né mai riceverà una convocazione in Nazionale. Nel 1951 appenderà le scarpette al chiodo, ma per vedere un Seeler con la maglia del HSV bisognerà attendere solo due anni, quando il giovane Uwe debutta in un’amichevole con il SC Göttingen 05. È il nuovo capitolo di una leggenda, cominciata a Rothenburgsort.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...